Il Progetto

You are here: Home / Il Progetto

BIOPOLIS

BioPoliS realizzerà un impianto dimostrativo per produrre acido succinico da fonti rinnovabili da destinare all’industria chimica (in particolare per applicazioni nell’imballaggio o come precursore di altri prodotti chimici) in sostituzione di equivalenti prodotti ottenuti da fonti fossili, utilizzando esclusivamente biomasse vegetali non appartenenti alla catena alimentare e coltivate in filiera corta in zone a bassissima resa o aree marginali, incluse tutte le aree non utilizzabili per l’agricoltura, quali terreni inquinati o comunque da bonificare.

In relazione al know-how tecnologico e sperimentale già acquisito dalla compagine, si andrà ad individuare le biomasse e le aree sul territorio campano sulle quali sviluppare i processi, allo scopo di valorizzare risorse locali, ad avviare la fase di ricerca per realizzare impianti di scala dimostrativa (o pilota) che consentano di validare quanto ottenuto in laboratorio e di fare una valutazione economica della sostenibilità del processo per uno sviluppo industriale della tecnologia. Il focus di BIOPOLIS è di costruire impianti demo flessibili. Infatti, queste “facility” permetteranno di valutare le nuove tecnologie sviluppate utilizzando anche biomasse diverse, inclusi gli scarti agricoli e forestali e consentiranno quindi di ottimizzare le scelte sulla base di reali dati di produzione.

Studi Coinvolti

Volunteer
Il progetto coinvolgerà studi:

  • sulla produzione di biomasse - OR1 - Valorizzazione delle risorse agricole e territoriali (biomasse lignocellulosiche e oleaginose, scarti agricoli e agro-industriali) con ripristino della fertilità agronomica dei suoli degradati (inquinati, in erosione, ecc.);
  • sui processi di conversione delle biomasse in biochemicals - OR2 - Sviluppo e ottimizzazione di tecnologie di produzione di biochemicals a partire da materie prime rinnovabili;
  • sulla conversione dei biochemicals in materiali plastici - OR3 - Valorizzazione prodotti/coprodotti del processo in biochemicals/biopolimeri/materiali avanzati;
  • sulla dimostrazione della tecnologia e la validazione dei prodotti - OR4 - Dimostrazione della tecnologia di produzione e di trasformazione dei biochemicals di interesse e validazione dei materiali per utilizzi industriali;
  • sulla valutazione tecnico-economica della filiera agro-industriale attraverso la valutazione della sostenibilità del sistema produttivo, in termini di impatto ambientale e di costi, e lo studio della valorizzazione energetica degli scarti di processo - OR5 - Valutazione tecnico-economico e ambientale della filiera agro-industriale.
  • l’OR6 - Management del progetto e disseminazione dei suoi risultati - si occuperà della gestione tecnico-scientifica e del monitoraggio delle attività del progetto oltre che della diffusione dei suoi risultati.
Studi Coinvolti

Prodotti e Processi

Volunteer
I principali prodotti/processi sviluppati includeranno:

  • nuovi enzimi/biocatalizzatori adatti a un impiego industriale sostenibile nella conversione delle biomasse lignocellulosiche in zuccheri fermentabili;
  • nuovi microorganismi per la conversione degli zuccheri derivanti dalle biomasse in acidi dicarbossilici alifatici;
  • nuovi materiali derivanti dallo sviluppo di tre famiglie di polimeri d’interesse industriale -poliesteri, poliammidi e poliuretani;
  • nuove formulazioni e tecnologie idonee ad alcune applicazioni d’interesse del settore industriale di riferimento quali films, prodotti stampati, adesivi e schiume;
  • riutilizzo in agricoltura dei sottoprodotti del processo industriale (es. biostimolanti dalla lignina residuale) al fine di aumentare la redditività dell’intero sistema agro-industriale;
  • una nuova tecnologia di produzione green di acidi dicarbossilici alifatici dalle biomasse lignocellulosiche.
Prodotti e Processi